Vaccino antinfluenzale, 4 decessi sospetti dopo la somministrazione

Ritirati i lotti 142701 e 143301 del vaccino FLUAD della Novartis Vaccines and Diagnostics

Vaccino28 novembre – Al momento, sarebbero 4 i decessi sospetti avvenuti negli ultimi giorni a seguito della somministrazione del vaccino antinfluenzale.

In via cautelativa, l’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) ha disposto l’immediato ritiro dei lotti 142701 e 143301 del vaccino FLUAD della Novartis Vaccines and Diagnostics, invitando i pazienti che abbiano a casa confezioni del suddetto vaccino a verificare il numero di lotto e a contattare il proprio medico nel caso in cui corrispondessero a quelli ritirati.

L’Istituto Superiore di Sanità “supporta la decisione dell’Aifa di ritirare in via cautelativa i lotti dei vaccini a cui sembra siano associate gravi reazioni avverse, a riprova dell’attenzione del Sistema Sanitario Nazionale alla sicurezza ed alla salute dei cittadini”.

L’ultimo decesso è avvenuto ieri a Prato, un uomo 80enne è deceduto dopo la somministrazione del vaccino lo scorso mercoledì.

Due delle morti sospette sono avvenute nel siracusano, due pazienti maschi di 68 e 87 anni, entrambi con patologie pregresse.

Il terzo decesso si è verificato a Termoli, dove una paziente 79enne è stata ricoverata per sospetta meningite e dall’anamnesi risultava la somministrazione del vaccino antinfluenzale.

Al momento sono in corso gli accertamenti sui lotti della Novartis ritirati, ma dal canto suo, l’azienda produttrice ha dichiarato di aver ricontrollato i vaccini e di poterne confermare la “qualità e conformità”.

Intanto, l’Istituto Superiore di Sanità “raccomanda fortemente di continuare nella campagna vaccinale anti-influenzale, che ogni anno contribuisce a far superare la stagione invernale a milioni di persone, soprattutto anziani e soggetti nelle fasce di popolazione più fragili per le quali, senza vaccinazione, le complicazioni dell’infezione influenzale potrebbero essere gravi e, in molti casi, fatali”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.