De Magistris: “Manfredi senza passione, toglie l’anima alla città”

L’ex sindaco critica l’attuale Amministrazione in un lungo post sui social

“La verità è rivoluzionaria e bisogna raccontarla anche all’amministrazione comunale guidata dal professor Manfredi. Dopo oltre un anno di governo della città hanno ottenuto tanto denaro dallo Stato, il Patto per Napoli, frutto delle nostre lotte ma che a noi nulla fu destinato per una espressa volontà frutto di malafede politica ed istituzionale. Con quei soldi che hanno fatto sinora a parte gli stipendi che si sono triplicati? Se avessimo avuto anche 1/4 dei soldi che ha avuto Manfredi sarebbe stata altra musica per i servizi della nostra città. Governare senza denari è quasi impossibile, eppure….”. A dirlo l’ex sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, in lungo post sui social nei quale critica l’attuale Amministrazione guidata da Gaetano Manfredi.

“Bisogna anche dire che la giunta comunale continua a ‘vendersi’, come se fosse merito loro, opere e servizi che sono il frutto dell’attività messa in campo dalla nostra amministrazione. Dai concorsi comunali e nelle partecipate, ai progetti dei parchi manutenuti ed alle piantumazioni di alberi, dai treni della metro alle opere pubbliche“, è l’accusa di de Magistris. “Dopo un anno possiamo sapere cosa è frutto del lavoro di questa amministrazione? Ma con tutti i soldi in cassa che hanno come è possibile che non c’è un piano di manutenzione ordinaria? Come mai non c’è un programma di rafforzamento dei servizi? Sarà prevista un’azione di presenza in città? Il Prof. Manfredi non si vede mai – prosegue l’ex primo cittadino –, se non a qualche evento istituzionale o con le forbici in mano per inaugurazioni di opere realizzate dalla nostra amministrazione e quando si sente non si ascolta e non si percepisce. Sta togliendo l’anima alla città perché non c’è cuore e passione”.

“Però non si deve disturbare il manovratore perché non è autonomo, non da fastidio ai poteri forti e quindi tutti zitti e buoni altrimenti si perde il controllo del potere per il potere e la gestione del flusso del denaro pubblico. Possiamo sapere che si sta facendo con i soldi pubblici? Non si può sapere, tutto tace, al Comune oggi le porte e le finestre non sono più aperte per il popolo ma solo per i politicanti di professione”, conclude de Magistris.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.