Zangrillo, task force di 20 persone per Caivano

Ministro Zangrillo, “vogliamo riportare lo Stato a Caivano”

Caivano, 24 ottobre 2023 – Una task force di 20 persone che, per due anni, si occuperà di supporto, coordinamento, consulenza e supervisione delle attività comunali a Caivano. E’ l’annuncio del ministro della Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, oggi in visita al Comune campano. Si tratta di “persone – ha detto – che sono state selezionate accuratamente sulla base delle loro competenze, motivazione e spirito di servizio per il Paese”. “Stiamo lavorando incessantemente – ha aggiunto Zangrillo – per consegnare a Caivano un’amministrazione efficace ed efficiente, autentico presidio di legalità e trasparenza. Vogliamo riportare lo Stato a Caivano”.

Negli uffici del Commissariato di governo a Caivano si è da poco conclusa la riunione operativa cui hanno preso parte il ministro Zangrillo, il Commissario di Governo Fabio Ciciliano e i Commissari prefettizi Filippo Dispenza e Simonetta Calcaterra nominati in seguito allo scioglimento del Comune per infiltrazioni camorristiche. “Oggi – ha detto Zangrillo – inizierà il lavoro del team di 20 professionisti, scelti tra i funzionari del Dipartimento della pubblica amministrazione e del Formez, che affiancherà i dipendenti del Comune di Caivano. Sarà un impegno minimo di 24 mesi. Il team supporterà i dipendenti con l’obiettivo di recuperare nell’immediatezza l’operatività dell’ente, che rappresenta il cuore pulsante del territorio, e far poi funzionare il Comune con le sue gambe”. “La squadra -. ha proseguito Zangrillo – è formata da professionisti che hanno maturato una grande esperienza in tutti i settori della pubblica amministrazione, tra cui ex segretari comunali, e soprattutto si tratta di persone molto motivate, che arrivano a Caivano con grande entusiasmo”. “Siamo qui – ha aggiunto il ministro – per recuperare il controllo del territorio e assicurare il supporto al Comune e ai suoi dipendenti in modo da garantire quella funzionalità ed efficienza che i cittadini chiedono e di cui hanno diritto. E affinchè le famiglie di Caivano possano riacquisire fiducia nello Stato, uno Stato che deve e vuole essere presente ed è pronto a fare la propria parte”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.