A Napoli il Presidente mattarella per gli 800 anni della Federico II

Celebrazioni per gli 800 anni dell’Università degli Studi di Napoli Federico II

Napoli, 13 novembre 2023 – L’Ateneo laico più antico al mondo ha dato ufficialmente inizio alle celebrazioni degli 800 anni dalla sua istituzione con l’inaugurazione dell’anno accademico 2023 2024. La cerimonia solenne si è tenuta nell’Aula Magna Storica dell’antica sede dell’Università alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha inaugurato anche i primi ambulatori specialistici del plesso federiciano di Scampia.

“Oggi prende il via un programma preparato da due anni, c’è un grande lavoro dietro. Eventi, iniziative, installazioni artistiche. Lasceremo un segno di questi 800 anni e guarderemo ai prossimi 800 – ha sottolineato il Rettore della Federico II Matteo Lorito -. Questa è la prima università di Napoli e la città è molto vicina alla sua università. L’atto di coraggio principale è rendersi conto che il mondo sta cambiando, noi svolgiamo una missione molto più complicata di quella “semplice” universitaria. Non teniamo esclusivamente lezione, non prepariamo solamente agli esami e non realizziamo solo ricerca. Siamo ben oltre quella che viene definita terza missione. Questa Università è patrimonio di tutti, patrimonio dell’Italia”.

Nella mattinata di di oggi 13 novembre il Presidente Mattarella è stato accolto dal Rettore e dalla Ministra dell’Università e della Ricerca, Anna Maria Bernini, nell’atrio della sede storica sulle note dell’inno della Federico II suonato da dieci musicisti della Nuova Orchestra Scarlatti.

“Un ringraziamento alla ministro Bernini per il suo intervento” e “in particolare” per aver messo a “conoscenza di quanto realizzato e quanto in corso di attuazione per gli alloggi per gli studenti fuori sede. Una questione di primaria importanza ma anche antica”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’università degli studi Federico II. “Anche su questo tema come sempre abbiamo molto da apprendere dal passato”, ha aggiunto, citando una testimonianza secondo cui la Federico II “disponeva di alloggi calmierati per gli studenti”, “strumenti di maggiore efficacia”.

Prima di raggiungere l’Aula Magna per la solenne cerimonia dell’inaugurazione, Lorito ha svelato la prima delle opere permanenti, realizzate da artisti del calibro di Asad Ventrella, Alessandro Ciambrone, Ciop&Kaf e Lello Esposito, in occasione delle celebrazioni federiciane, mentre la seconda è stata presentata a Scampia. È Lictera temporales di Asad Ventrella, un’opera in acciaio inox in grado di sfidare il tempo.

Nell’Aula Magna Storica, all’ingresso del Presidente Mattarella, l’Inno Nazionale cantato da Andrea Bocelli e l’Inno alla Gioia, l’inno europeo, eseguito da cinque musicisti della Nuova Orchestra Scarlatti apriranno la celebrazione. Alla cerimonia ha presenziato il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, il Sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, il Prefetto di Napoli, Claudio Palomba, e, tra gli altri, sessantacinque rettori delle università Italiane.

Tutta la giornata è stata trasmessa in diretta sui canali d’Ateneo e per l’occasione sono state utilizzate toghe realizzate nel progetto ‘RicuciAMO la vita’, laboratorio sartoriale nato all’interno della casa circondariale di Secondigliano.

Al termine della cerimonia, dichiarato aperto l’anno accademico 2023-2024, dalla sede centrale le celebrazioni i festeggiamenti si sono trasferiti nel Complesso Scampia dove, alla presenza del Presidente Sergio Mattarella, all’ingresso è stata disvelata ‘Testa di Federico’ l’opera dell’artista Lello Esposito, il Rettore Lorito ha rivolto un breve saluto ai presenti nella Corte centrale, e sono stati inaugurati il laboratorio Connected Lab, dedicato all’innovazione tecnologica e alla sperimentazione di nuove tecnologie nell’ambito del paradigma della Connected Care, e gli ambulatori di cardiologia, pediatria ed endocrinologia per le attività di diabetologia e di nutrizione.

La giornata federiciana, è andata avanti con l’artista Toni Servillo che leggerà Calamandrei e con la premiazione degli undici attuali rettori di altre università italiane laureati alla Federico II.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.