Comune di Napoli, Bassolino: “Dall’Amministrazione non c’è lo scatto che serve”

Il pensiero dell’ex sindaco ed ex presidente della Regione Campania, oggi consigliere comunale. E l’attuale governatore Vincenzo De Luca ironizza: “Manca assessore alla cultura? Lo faccio io”

“Il Comune di Napoli deve darsi una scossa, mi sarei aspettato uno scatto in più. Quando nasce un’amministrazione nuova sono molto importanti i primi 100 giorni perché danno il segno di quello che viene dopo. Siamo a 70 giorni dal voto ed è difficile vedere lo scatto che serve per risolvere i problemi che toccano i cittadini ogni giorno”. Così Antonio Bassolino, ex sindaco ed ex presidente della Regione Campania, oggi consigliere comunale, parlando ai microfoni di Radio Crc dei primi due mesi di lavoro della Giunta Manfredi.

“Quello che è successo al Vomero con le luminarie – aggiunge Bassolino – è indice di un problema più generale che riguarda tanti altri quartieri su tante altre vicende e cioè collaborazione. Come è possibile che non ci si parli tra istituzioni? E proprio sulle piccole cose che si devono costruire le condizioni per affrontare quelle più impegnative. Più ci si concentra sulla vita quotidiana più si affrontano le disuguaglianze esistenti ed è solo allora – conclude – che lavoriamo bene sul Pnrr che deve guardare al futuro della città, ma il futuro si costruisce dal presente”.

Manca l’assessore alla cultura? (il sindaco Manfredi ha tenuto per sé stesso la delega, ndr). E chi se ne frega, lo faccio io l’assessore. Sono cose da pazzi, un grande patrimonio ridotto al municipalismo più volgare e insopportabile. Questa non è Napoli, questi sono i rifiuti di Napoli”, ha invece ironizzato l’attuale governatore Vincenzo De Luca, quest’oggi durante il suo intervento alla conferenza di presentazione del progetto di restauro di palazzo Penne. “Quando si parla di cultura a Napoli trovo cose che mi fanno venire l’orticaria – ha spiegato De Luca –. Napoli è Napoli per la sua connotazione di grande città internazionale, ma trovo rappresentata la cultura di Napoli da una serie di imbecilli che – ha concluso – sporcano pagine di giornali con esempi insopportabili di provincialismo, municipalismo, volgarità e stupidità”.

A margine della conferenza stampa De Luca ha anche annunciato che quest’anno saranno vietate con un’ordinanza della Regione le feste di piazza a Capodanno, una decisione già preannunciata qualche giorno fa (vai all’articolo).

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.