Architettura, a Ischia torna il PIDA: vince l’archistar giapponese Kengo Kuma, focus sulle neuroscienze

Dal 3 al 10 ottobre convegni, mostre e una Summer School: tanti ospiti (a vocazione internazionale) e uno spazio aperto per le proposte dei “non addetti ai lavori”. Tra i temi il ripensamento degli spazi nel post-pandemia

Ischia, 29 settembre 2022 – Con un focus sul rapporto tra architettura e neuroscienze e un riconoscimento a Kengo Kuma, tra i più importanti e significativi architetti giapponesi contemporanei, torna il Premio Internazionale Ischia di Architettura (PIDA), che da 3 al 10 ottobre celebra la sua decima edizione con una serie di convegni, mostre, dibattiti aperti e una Summer School al via il 3 ottobre e dedicata alla progettazione partecipata del borgo di Terra Murata, a Procida, in omaggio alla Capitale Italiana della Cultura 2022.

“Spazio ai neuroni” è il filo conduttore dei lavori: “E’ del resto acclarato che il cervello e i nostri comportamenti sono influenzati a livello biochimico dall’ambiente in cui ci troviamo – spiega il presidente del PIDA, Giovannangelo De Angelis – E, ancor di più dopo la pagina complessa della pandemia che ci ha obbligati a ripensare i nostri spazi, è a tutti evidente che applicare le neuroscienze all’architettura aiuta a  progettare edifici e aree in grado di favorire il benessere delle persone che ci vivono”.

Al Castello del Piromallo, a Forio, i lavori aperti al pubblico (ingresso gratuito) iniziano mercoledì 5 ottobre alle 16 con un talk sui rapporti tra psicologia e architettura, con gli interventi degli psicologi Giorgio Nardone e Stefano Bartoli, che esploreranno gli intrecci tra spazi e mente. A seguire l’inaugurazione della mostra fotografica “Flirt” di Ernesta Caviola, vincitrice del Premio PIDA fotografia 2022 per il suo modo di raccontare, da 25 anni, l’architettura e le città di tutto il mondo.

Di sociologia e architettura si parla invece, a partire dalle 16, giovedì 6 ottobre con interventi di Leonardo Chiesi, che insegna all’Università di Firenze, Michela Ekstrom dell’associazione “Architettrici”, Corrado Minervini (direttore PIDA Summer School 2022), Raffaele Mirelli (direttore Festival Internazionale di Filosofia di Ischia), Stefano Capalongo (direttore del dipartimento di Architettura e Ingegneria Politecnico di Milano) e Lilly Cacace (Legambiente Ischia).

Venerdì 7 ottobre l’atteso talk su comfort sensoriale e architettura, con interventi – dalle 16.00, sempre al Castello del Piromallo di Forio – dell’architetto britannico Ian Ritchie, da sempre in prima linea nell’esplorare i rapporti tra spazi e neuroscienze, lo psichiatra Stefano Pallanti (direttore dell’Istituto Italiano di Neuroscienze) e l’architetto Davide Ruzzon, direttore del master NAAD in neuroscienze all’università IUAV di Venezia).
A seguire, un talk con Antonio Morlacchi e Sonia Politi, vincitori del Premio PIDA Giornalismo 2022.

Tra le grandi novità del PIDA, lo spazio – a margine di tutte le sessioni dal 5 all’8 ottobre – per “Era un’idea: esperti ma non soprattutto non esperti sono invitati a intervenire con una proposta, un’idea o una critica costruttiva di progettazione architettonica a Ischia (prenotazioni su info@pida.it).

Sabato 8 ottobre, con la presentazione dei risultati della Summer School (che parte a Procida il 3 ottobre e prosegue tutti i giorni a Forio, con il coordinamento di Francesco Rispoli e la direzione di Corrado Minervini), in programma un talk con Massimo Alvisi e Junko Kirimoto, vincitori – con il loro studio internazionale che si occupa di architettura, urbanistica e design – del Premio PIDA alla carriera 2022.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.