Acqua, Manfredi: “La tariffazione deve tutelare le fasce deboli”

Il sindaco di Napoli, durante una tavola rotondo organizzata da Confindustria, ha affermato che la tariffazione dei beni primari (come l’acqua) non deve essere dettata dal libero mercato

“La tariffazione dei beni primari, qual è l’acqua, non deve essere dettata dal libero mercato, ma è necessaria una tutela che eviti alle fasce deboli di non potervi accedere”. A dirlo il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, intervenendo alla tavola rotonda Dall’emergenza all’efficienza idrica, organizzata da Confindustria a Roma.

Il primo cittadino ha sottolineato l’importanza di fare una riflessione sulla qualità degli investimenti, facendo l’esempio di un progetto presentato dal Comune di Napoli per accedere ai fondi del Pnrr. “Il progetto – ha spiegato – non ha avuto una priorità alta perché era mirato al monitoraggio della rete idrica e non considerato quindi, un intervento infrastrutturale. Ma credo che questo sia un errore, in quanto il monitoraggio deve essere la precondizione necessaria prima di pensare ad un rifacimento della stessa rete idrica”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.