L’Unione Italiana Ciechi scrive ai sindaci dei comuni della provincia di Napoli: favorire l’integrazione sociale delle persone con disabilità

“Creare un osservatorio sulla accessibilità e fruibilità urbana”

cieco con caneCaro Sindaco,
è necessario sviluppare una politica locale, orientata a favorire l’integrazione sociale delle persone con disabilità e la loro partecipazione attiva nella società, attraverso l’accessibilità e la mobilità.

Un ambiente urbano accessibile, privo di barriere culturali e architettoniche, accoglie le diversità e crea uguaglianza di opportunità. Le azioni di promozione dell’accessibilità e della mobilità della persona con disabilità, si incrociano con molte attività dell’ente comunale, quali i servizi sociali, l’urbanistica, i trasporti e la scuola.

La trasversalità del tema richiede di organizzare e dare impulso all’attività amministrativa, in modo da consentire che esigenze e diritti delle persone con disabilità, siano rappresentate in tutti gli ambiti decisionali, di gestione e controllo. Per questo è necessario adottare le linee guida su accessibilità e mobilità urbana (linea guida per gli enti locali) che suggeriscono di avere uno specifico riferimento politico all’interno dell’amministrazione e un’organizzazione che attribuisca a una specifica entità amministrativa, la responsabilità di realizzare e monitorare le azioni di sostegno delle persone con disabilità.

Si chiede, pertanto, di creare un osservatorio sulla accessibilità e fruibilità urbana, osservatorio previsto anche dalla Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità.

Le normative di riferimento per eventuali approfondimenti sono:
Legge 13/89;
D.M.236/89;
Legge 104/92;
DPR 503/1996;
DPR 380/2001.
“Libro Bianco su accessibilità e mobilità urbana, linee guida per gli enti locali”.

UNIONE ITALIANA CIECHI

(Il Consigliere UICI Coordinatore Zonale)

Giuseppe Fornaro

Autore

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.